Sospensione

Ogni tanto mi manca la sospensione temporale che si crea in viaggio durante gli spostamenti più lunghi. La parentesi che sta tra partenza e arrivo. L’ho già scritto qua e là, che mi piace, ma stasera ritorna, insieme al desiderio di partire.  Il limbo confortevole del volo intercontinentale, passato a leggere e rimpinzarsi di film, quasi mai a chiaccherare. Poco o niente sonno e stanchezza che si accumula,  eppure quasi mai l’atterraggio arriva come una liberazione.  Le lunghe ore sugli autobus argentini (molto più confortevoli di quelli australiani), “charlando charlando y tomando mate”.  Le traversate oceaniche, intorno solo acqua, che impedisce alla realtà di venirti a disturbare. Che poi, quando si arrabbia, è l’oceano che diventa la realtà a cui sfuggire, ma la memoria è selettiva e oggi mi ricordo solo le albe e i tramonti e  i turni di veglia, e la distesa interminabile del mare e io in mezzo, senza nessuna voglia di arrivare.

Post 24 di 30 – C’è mancato poco che fosse già quello di domani!

Annunci

Rime di mare

L’avventura Australiana si è conclusa da due mesi. Il prossimo viaggio è ancora una vaga nebulosa nell’universo delle possibilità. Intanto Claudio mi ricorda che anche ad Andromeda ho dedicato una delle mie solite filastrocche. Mi pare giusto pubblicarla qui. Per quel che vale…

Se ami il mare e, al soffio del vento,
volare sull’acqua col cuore contento,
lascia che il sogno ti prenda la mano
e fatti portare da un catamarano.

E’ un mondo speciale quel che si cela
su un camper che viaggia sospinto da vela.
Non e’ una vacanza o una semplice gita,
ma un’esperienza che cambia la vita.

Ci vuole passione, piu’ che coraggio
per entrar a far parte dell’equipaggio.
Ti do un consiglio, se ne hai bisogno:
sali su Andromeda, realizza il tuo sogno.

Non serve esperienza e gia’ puo’ bastare
che tu non soffra di mal di mare.
E’ vita semplice, se vuoi, spartana,
bella, appagante, e’ vita sana.

Fa un pezzettino di giro del mondo
insieme allo skipper che e’ gia’ al suo secondo.
Se non porti amici li trovi qui a bordo,
e la citta’ sara’ solo un ricordo.

C’e’ un rischio grave, non  serve negare,
ed e’ che farai, poi, fatica a sbarcare!

GENTE DI BARCA

Altra fortuna: oltre alle zanzare e ai moschini, il cantiere e’ popolato da gente simpatica e disponibile e si respira la consueta atmosfera di solidarieta’ tra barcaroli che e’ una componente imprescindibile di questo tipo di vita. Incontriamo una vecchia conoscenza di Claudio, un polacco che aveva incrociato la prima volta a Panama e poi non so piu’in quale altra parte del mondo. Non e’ il primo incontro di questo tipo, il mondo e’ grande, ma quello dei velisti giramondo alla fine sembra piccolissimo, si conoscono quasi tutti e prima o poi si reincontrano. Casimiro, il polacco, sta riparandosi il catamarano (autocostruito) dopo che un cargo gli e’ finito addosso. Vive a bordo con figlia e figlio e non smette di elargire consigli e fornirci materiali e mano d’opera. Poi ci sono Tess e suo marito, coppia di australiani che stanno rimettendo a posto pezzo per pezzo un vecchio catamarano, ci prestano gentilmente una bici per i nostri giretti. Quando chiediamo dove possiamo procurarci dei particolari elettrodi che Alessandro ci aveva chiesto, quelli del cantiere in cui stanno costruendo enormi cisterne di acciaio ce li regalano. Non voglio dire che le cose vadano sempre cosi’, ma raramente abbiamo incontrato persone meno che ben disposte e solo in un caso qualcuno che tirava a fregarci. Quando, al ritorno dal mio primo viaggio con Andromeda, dichiaravo ai quattro venti di essere pronta ad andare a vivere in barca, qualcuno mi ha chiesto cosa ci trovavo di tanto attraente e diverso. La prima risposta riguardava proprio la differenza nell’approccio con la gente. E’ un discorso che ho gia’ fatto in altra occasione, parlando di canoisti o di backpackers e forse non e’un caso che si ripresenti qui. Sara’ semplice “solidarietá” di categoria, ma e’ un fatto che capita solo con alcune categorie di persone… Quando vivi sulla tua pelle quanto e’ importante l’aiuto di qualcuno, sei piu’ propenso a darlo e, mi viene da aggiungere, anche a chiederlo (la seconda per me a volte piu’ difficile della prima!).

A proposito di comportamenti: abbiamo piu’ volte constatato che in un posto con solo due barche, INEVITABILMENTE si finisce col fare la conoscenza del vicino, e che piu’ il numero di imbarcazioni aumenta e meno si tende a fraternizzare. Non di rado in una baia con decine di barche, si resta anche per qualche giorno senza scambiare piu’che un vago cenno di saluto. Mi capitava lo stesso quando montavo la tenda in un posto semideserto invece che in un accampamento affollato. Che strani questi umani!