Condannati alla connessione

omino prigionero delle onde di trasmissioneQuanto tempo si può restare senza nessun contatto telefonico/matico con il mondo esterno prima che qualcuno si preoccupi? Non più di due o tre giorni credo. Si parla di dipendenza da internet – e non me la sentirei di dichiararmene totalmente immune – eppure, a volte, mi pare che non dipenda solo da un nostro bisogno, quanto anche molto da quello degli altri.

Condannati alla connessione. Sempre e comunque. Un tempo bastava chiudersi in casa e non rispondere al telefono, il gioco era fatto, le scuse erano facili. “Ti ho chiamato tre volte e non ti ho mai trovato”  “in effetti ero spesso fuori casa…”.   I bei tempi andati, prima delle segreterie telefoniche, i telefoni digitali, l’ID chiamante, internet, gli smartphone…

Adesso se hai voglia di staccare veramente la spina per qualche giorno (e non ditemi che capita solo a me) una irreperibilità di un paio di giorni, se non preannunciata, già desta preoccupazione o quantomeno sospetto.
Abituati al contatto quotidiano, il silenzio dall’altra parte della linea fa paura. Perché, va bene non rispondere alle mail, non collegarsi a skype, al limite anche non rispondere al telefono, ma almeno agli sms!   Nella migliore delle ipotesi qualcuno si offende, sempre ammesso che non si spaventi.

Trovo invece assolutamente LIBERATORIO pensare di potersi disconnettere totalmente per un po’, anche all’improvviso, senza notifiche, senza che nessuno si stupisca.  Negli anni del vero vagabondare, ormai troppo lontani, ogni tanto mi capitava di farlo, senza nessuna conseguenza. Amici e parenti erano abituati alle assenze prolungate in contesti irraggiungibili, come nelle traversate oceaniche, e anche una volta rientrata non si meravigliavano più di tanto se non riuscivano a contattarmi per qualche giorno, semplicemente immaginandomi chissà dove.
Adesso però diventa sempre più difficile.  E’ solo una delle svariate libertà a cui abbiamo rinunciato in cambio dell’incredibile comodità dell’interconnessione. Ma non ne sentite la mancanza anche voi, ogni tanto?

Annunci

Lascia una risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...