Il ritorno del canoista

Capita a molti (a me è successo),
ma per fortuna non capita spesso:

hai poca spinta, un po’ di paura,
ogni discesa diventa piu’ dura,
c’è troppa acqua o è troppo poca,
stai fermo in morta e guardi chi gioca,
eviti il salto che tanto adoravi,
ti guardi intorno e son tutti più bravi,
sai fare l’eskimo, ma a volte non viene,
anche un buchetto spesso ti tiene,
i tuoi passaggi si fanno indecisi,
insomma ammettilo: sei proprio in CRISI!

“Ho un battesimo, ho già un impegno,
la famiglia richiede sostegno;
mi duole la schiena, mi duole il braccio,
questo week-end non ce la faccio…”
Motivi ne trovi, spesso son veri,
ma c’erano anche prima di ieri…

Per tua fortuna ci sono gli amici,
che non credono a quello che dici,
insistono oggi, riprovan domani,
ti chiamano loro, se tu non li chiami.
Ma devi reagire e farti aiutare,
prima che smettano poi di chiamare.

Dai, vinci il freddo, il timore, la noia,
pensa a quando il fiume era gioia,
trova la forza, ne vale la pena,
e vale anche il tuo mal di schiena.
Magari, abbassa la scelta di un grado,
e grida forte: “domani vado!”

Poi, se hai fortuna, domani è bello,
non fa freddo e c’è il tuo livello,
a metà rapida c’è un’onda perfetta,
il gruppo ti guarda e intanto aspetta.
Entri insicuro, ma quando sei dentro
capisci subito che hai fatto centro,
dura in eterno questa surfata,
adesso sorridi, la crisi è passata!

<<Di Canoe e Canoisti

Ode a CKI >>

Valid XHTML 1.0 Transitional

Annunci

Lascia una risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...