Ode al fiume

Vorrei cercare di dire alla gente
della bellezza che c’è nel torrente,
nell’acqua, le volte che fa da padrona,
di quando invece i tuoi errori perdona.
Ti invita, ma attento, sa esser bugiarda,
ti attira, ti gira, poi ride beffarda.

Per poche ore nel fiume sopporti di tutto,
chilometri, freddo, sentirti distrutto,
ma sa ripagarti di ogni tua sofferenza,
al punto che ormai non sai stare senza.

Quando è chiara e pulita e scorre nervosa,
quando brilla al sole in una gola boscosa,
in un’onda da surf, in un buco, un traghetto,
se ti scaglia su in alto in un looping perfetto…

ma se vuoi raccontarla, ecco, già ti tradisce,
nel mare di parole il vero fiume svanisce,
non riesci a spiegarti, e se c’è chi ha capito,
di certo dal fiume è già stato rapito.

<<Ode del Canoista

Canoisti d’Appennino >>

Valid XHTML 1.0 Transitional

Annunci

Lascia una risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...